In offerta!
mini-donato

Donato Montesano – I grandi scrittori non mangiano

5.00 su 5 in base a 3 valutazioni del cliente
(3 recensioni dei clienti)

€13.00 €9.90

I grandi scrittori non mangiano è l’ironia che nasce dal disagio di vivere nel posto in cui si è nati, è un senso di necessità, una voglia assoluta di espressione, di esplosione. È un mondo capovolto in cui i fiumi secchi tornano ad essere navigabili e antichi paesi abbandonati tornano a brulicare di vita; un mondo in cui i sogni e le fiabe si mischiano alla più cruda realtà. Un teatro umano dove l’ossigeno ha l’effetto dell’oppio e gli eroi del passato convivono con i protagonisti attraverso colonne sonore rock e primi piani cinematografici; visioni di transumanza e lupi in agguato, amori e sguardi nascosti, vecchi treni e stazioni scalcinate. Ma questo libro è anche un nonno che tramanda le favole al nipote, è lo gnomo che ucciderà il re, è la notte che fa compagnia quando si è soli, è la pioggia nelle scarpe di chi ha voluto perdere l’ultimo tram. I grandi scrittori non mangiano è una raccolta di storie che appartengono a mondi interiori, terreni e soprannaturali, che danno forma a una strana danza, ballata nel supermercato della vita.

8 disponibili (ordinabile)

COD: ED41. Categoria: .

Descrizione prodotto

Donato Montesano (Tricarico, 1991) fa parte dello studio di architettura e laboratorio multidisciplinare Rabatanalab. I grandi scrittori non mangiano è il suo libro d’esordio.

3 recensioni per Donato Montesano – I grandi scrittori non mangiano

  1. 5 di 5

    :

    Ho letto di un fiato i tuoi racconti. Un modo enigmatico di collocare la scrittura e i libri, le poesie e le canzoni, i racconti e i film della propria storia e della storia dell’ umanità. Un modo alternativo per parlare della soggettività e delle radici ,di sé stesso e della terra. I racconti della tradizione fatti di ” masciere e munaccidd ” e la modernità… i treni, il mare, la vita, il sogno. Una soggettività divisa, fatta di istanze conflittuali ,abitata da desideri e pulsioni oscuri a lei stessa ,avvolta nelle spire di un sapere inconscio di cui nessuna presa di coscienza potrà mai assicurare fino in fondo la padronanza. Racconti godibili e chiari che aspirano a dire la verità intorno alla vita. Un modo di guardare all’ uomo ,al suo essere , alle sue passioni, ai legami, alle illusioni ,alle paure, ai sogni, alla razionalità e alla sua altrettanta necessaria follia. Le favole non ci dicono che la follia non esiste ma ci aiutano a vivere e anche la follia diventa un modo d’ essere… essere tutti quegli scrittori che non mangiano con le parole ma nutrono coloro che li hanno letti. Grazie, Donato! I tuoi racconti mi hanno saziata…per un po’.

  2. 5 di 5

    :

    Libro dal ritmo bellissimo, sembra un’onda che ti culla e da cui non riesci a staccare gli occhi. Non ho avuto un solo momento in cui mi sono ‘distratta’ dalla lettura. Dialogo scorrevole, fluido, reale. La psicologia dei personaggi traspare e li rende tridimensionali e diversi l’uno dall’altro. L’autore passa da una giornata qualunque a tragedia a commedia con una facilità invidiabile. Sono racconti che arricchiscono chi li legge, con tantissimi spunti e tanta poesia. Uno specchio sulla vita, la morte, l’arte, l’amore, la memoria, bagnata dai flussi e riflussi del mare, il sonno purificatore e la veglia consapevole; l’osservazione e la contemplazione. Molto molto bello.

  3. 5 di 5

    :

    Lettura accattivante.
    Complimenti e grazie per la copertina ….Un regalo d’autore ai lettori.

Aggiungi una recensione