In offerta!

Giuseppina Sciortino – L’obiettore di coscienza

Valutato 5.00 su 5 su base di 6 recensioni
(6 recensioni dei clienti)

14.00 12.00

Angelo Vinci è un uomo ordinario: non è drogato, né alcolizzato, nessun trauma infantile e nessuna particolare predisposizione alla violenza. Angelo vive con l’anziana zia che non sopporta e trascorre i suoi giorni a fumare. Non lavora, non esce e non ha amici, è sempre confuso e non dorme. I medici cercano di aiutarlo, ma lui non crede alle loro cure; l’unico suggerimento che accetta è quello di mettere i suoi pensieri nero su bianco. E così Angelo comincia a scrivere, annota sogni, riflessioni, ricordi, scrive della vita che si limita a osservare dalla finestra, una vita che, alla fine, prende il sopravvento e si rivela per quello che è: una grande commedia da cui non si può scappare.

6 disponibili (ordinabile)

COD: ED127 Categoria:

Descrizione

Giuseppina Sciortino, siciliana, vegetariana, vive a Milano e lavora per una nota società di telecomunicazioni. Laureata in Lingue e Letterature straniere, ha scritto racconti e poesie per vari siti e riviste. L’obiettore di coscienza è il suo primo romanzo edito.

6 recensioni per Giuseppina Sciortino – L’obiettore di coscienza

  1. Valutato 5 su 5

    Antonio

    Originalità, scrittura asciutta e perfettamente simmetrica sono il segno distintivo di questo romanzo. A tratti commovente, a tratti tragicomico, per esempio nel modo in cui racconta la claustrofobia del protagonista. Il ritmo è serrato e anche il lessico è adeguato ai contesti narrativi. Man mano che si legge, ci si lascia trascinare dalla narrazione fino ad arrivare all’explicit, forse la parte migliore del libro, un misto di onirico e surreale, un ben calibrato crescendo emotivo, tutto giocato sull’anticipazione. Non era facile trovare un degno finale a una storia così intima, ma la scrittrice ci è riuscita.

  2. Valutato 5 su 5

    Daniela (proprietario verificato)

    “Quello che mi ha subito colpita di questo romanzo, a partire dalla prima pagina, è la scrittura ottima, lo stile che rende perfettamente gli slanci di sincera ispirazione. Ci sono delle scene esilaranti, come quelle relative agli screzi con la vecchia, oppure con i vicini, uno più pazzo dell’altro. Il capitolo dedicato al personaggio di Cristina è meraviglioso, mi ha trasportata altrove e commosso. ll contesto c’è, presente, con le sue peculiarità, ma non è mai invadente, insomma, questo romanzo potrebbe essere ambientato ovunque senza perdere la sua forza. La narrazione creare forti aspettative nel lettore che non vengono tradite.”

  3. Valutato 5 su 5

    Giovanni Proietto

    Giovanni Proietto
    L’obiettore di coscienza, questo straordinario libro della vegetariana siciliana che vive a Milano Giuseppina Sciortino, ci catapulta in un claustrofobico mondo fatto da quattro mura domestiche e ancor di più in una dimensione introversa e intima fatta di solitudine e uno stramaledetto mal di vivere, analisi spietata e cinica di una condizione sociale, ma anche individuale di una coscienza sensibile, “l’eroe disfatto, sconfitto, e delirante” grida il suo disagio ad un mondo che corre davvero troppo in fretta e travolge tutti e tutto.
    Cinica e senza sconti per nessuno la narrazione, quasi come una testimone oculare Giuseppina racconta i tormenti del protagonista, che reduce di un vissuto chissà, magari esaltante, si ritrova prigioniero di una condizione di solitudine e depressione come un vortice lo catapulta in una condizione tremenda, fino a renderlo alla sua stessa autocritica, un fallito, un relitto, come un guardone spia la poca gente che vede senza essere visto. Si perde la cognizione tra il reale e il visionario, il dubbio che ciò che il libro narra sia cronaca o allucinante delirio di Angelo, ci sta tutto.
    La conclusione del romanzo è senza dubbio molto teatrale, da gran finale, senza redenzione e pentimento reale, allucinato e allucinante, spietata analisi di un fallimento lucido e totale forse anche voluto, lascia presagire ma non svela a pieno.
    Terapeutica lettura atta a scongiurare un terribile mal di vivere, una presa di coscienza inequivocabile della condizione umana, tutti abbiamo dentro un po’ di Angelo, e questa cronaca di un autodisfacimeto ne esorcizza il sopravvento, poetico e cinico diario di un animo sicuramente sensibile fino a divenire cattivo per compiacere a chi non si aspetta che ciò, “….visto che in ogni esperienza solo la percezione conta….” (Pag. 135 rigo 23/4)
    ….ne fantastico, ne surreale, ne metafisico, lucido e cinico iperrealismo….

  4. Valutato 5 su 5

    Rosa Giacalone (proprietario verificato)

    Bellissimo libro! L’ho apprezzato molto. E’ stato un piacere leggerlo. Ogni pagina un’emozione. Una storia amara, raccontata con uno stile forbito, a tratti ironico, che coinvolge con un susseguirsi di descrizioni suggestive. Grande abilità nel raccontare gli stati d’animo del protagonista. Un’analisi minuziosa che induce anche il lettore a riflessioni e introspezione. Complimenti!!

  5. Valutato 5 su 5

    Sara (proprietario verificato)

    “E si sa che per gli ingenui e i sognatori c’è poco da fare.” Questa è la frase del libro, che più ho amato, ed è con questa frase che voglio presentarvelo.
    Se avete voglia di andare oltre le mura, le facciate delle case, l’esteriorità, oltre quello che “si vede”, aprite questo libro ed entrate nel mondo di Angelo, un mondo fatto solo di “interiorità”.
    È all’interno della sua casa, della sua stanza che si svolge la narrazione e l’interno della sua anima, della sua mente, è la linea profonda che guida il lettore lungo la strada fatta di pagine.
    Lettore che dev’essere pronto a mettere i piedi in quella stanza, dove probabilmente nessuno vorrebbe entrare.
    Il viaggio nella vita amara di Angelo è condotto dalla scrittrice in modo deciso, senza sbavature, vi prende per mano dalla prima pagina e vi conduce fino alla fine senza che neanche ve ne rendiate conto.
    Buon viaggio di lettura agli ingenui, i sognatori e…i coraggiosi.
    Complimenti!

  6. Valutato 5 su 5

    Cristina Liakos

    Mi chiamo Angelo Vinci ho quasi 40 anni, occhi verdi e tanti capelli bianchi e sono nato a Natale.
    Angelo ha la capacità allucinante di attirarti negli abissi tenebrosi della sua triste ma affezionata quotidianità. Ci sei dentro anche tu, assorbito da questo suo malessere positivo. Si positivo. Positivo perché è l’unica realtà che riesce a vivere e a rassicurarlo. La sua vita ritmata dall’attenzione ora ai movimenti di Grazia, ora al mondo dei suoi vicini è la sola che lo appaga. Pochi ricordi quelli che emergono dal suo passato, questo denota la poca attenzione che rivolgeva alla sua apparentemente ricca vita al di fuori dalla roccia alessandrina.
    Minuziosi invece i particolari della sua povera vita emotiva, che vive nel presente, l’unica in cui si riconosce veramente. Talmente forte è, infatti, il legame con questa realtà che, nascondendosi dietro una finta incapacità in termini di reattività, sostenuta e giustificata anche dalla terminologia medica, rifiuta di rinunciare ad abbandonare per sempre.
    Angelo si vergogna di dire che lui in realtà ama tutto quello che lo circonda, da Graziella, ad Anna, la cui morte lo ha gettato nello scoraggiamento profondo, ai Giglia, alle sorelle e a ogni singolo lampione che illumina l’unica strada che vuole percorrere…il corso. Con fierezza pronuncia a chi gli chiede dove fosse stato.. che non si è mai mosso dal paese. È fierezza quella.
    A che serve muoversi per poi tornare, meglio stare dove si è e partire con la mente per dove si vuole…
    Questo è Angelo Vinci nato a Natale.
    Un uomo la cui anima è tormentata dalla paura che qualcosa attorno a lui cambi.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *