In offerta!

Salvatore Castrignanò – Una certa incertezza

(9 recensioni dei clienti)

14.25

Francesco, responsabile delle risorse umane, annota fatti e valutazioni: genitorialità, tradimenti, lavoro, la fragilità e le sue contraddizioni, la morte. Brevi pagine per raccontare la moltitudine che abita tutti.

2 disponibili (ordinabile)

COD: ED318 Categoria: Tag: ,

Descrizione

Salvatore Castrignanò, salentino, 54 anni. Una certa incertezza è il suo secondo lavoro. Ha pubblicato racconti brevi dal titolo La promessa dell’albicocca, tredici donne colte in un momento preciso della loro esistenza.

9 recensioni per Salvatore Castrignanò – Una certa incertezza

  1. Berthollina

    Letto tutto d’un fiato. La scrittura fluida, attenta, ricercata dona al testo uno stile raffinato e tutt’altro che banale. Una buona idea regalo per queste prossime festività.

  2. Giorgio T.

    Ricco di spunti e riflessioni. Scrittura intimista ma fluida. Da leggere

  3. Mary

    Un “quasi” diario, della durata di qualche mese, in cui il protagonista racconta e si racconta. e fa riflettere. molto bello, una piacevole scoperta

  4. Antonella

    Intenso, una emozione. Un libro da leggere e lrieggere per cogliere ciò che sfugge alla prima lettura nella quale inseguiamo più la trama avvincente, trascurando riflessioni e pensieri più profondi

  5. Stefano

    Libro molto bello. Non so quanto ci sia di autobiografico ma certo regala sensazioni. Poi non è troppo lungo, proprio come piace a me

  6. Nicola

    struggente e tenero, amaro e pieno di umanità. con tutte le sue contraddizioni.

  7. Paola G

    un libro che prende, scritto bene, piacevole e scorrevole, anche se la fine non è “vissero felici e contenti “

  8. Carmine T

    Denso e coinvolgente, poche righe non bastano a rendere giustizia a questo libro che non è solo narrativa, ma riflessione sulla vita e, a volte, vera e propria speculazione filosofica. Diario di attimi che potrebbero appartenere ad ognuno di noi. Fa riflettere, e quanto ne abbiamo bisogno in tempi come questi!

  9. Marco Cop

    ho letto il libro e ci tengo a scrivere qualche rigo anche se non sono bravo ad usare la penna come l’autore.
    Ho apprezzato molto la struttura nel suo insieme, la forma, lo stile letterario, il lessico, la descrizione dei luoghi e delle situazioni, i personaggi, i travagli, i sentimenti espressi e dulcis in fundo la conclusione. In effetti non poteva che finire in quel modo…
    Molto bello tutto, mi ha affascinato ed appassionato la lettura, mi ha incuriosito molto l’incalzare degli eventi, gli sviluppi e le conseguenze che hanno prodotto. Mi è sembrato di cogliere nel protagonista molti tratti caratteriali di noi uomini di mezza età. Per la profondità delle riflessioni, per tutti gli interrogativi posti che in realtà celano già insite risposte.
    Complimenti!!! immaginavo fosse gradevole ma è stato molto di più

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *