Fernando Camilleri
Zucchero filato volante

Felice ha undici anni e un sogno: vuole diventare astronauta a ogni costo. Quasi sempre, però, i sognatori trovano degli ostacoli durante il loro cammino e quando Felice...

Valerio Mottin
17 passi lontano da te

L’ho capito subito. Appena il viso si è colorato di giallo ho capito che era arrivato il mio momento. In bagno, davanti allo specchio, mi sono guardato più volte. Da lontano, da vicino, di lato...

Antonio Barranca
Il galeone d'Azzurra

Quel cielo opaco
specchiava
ciò che di peggio
si manifestava
in noi,
il rossore dell’alba
era un sorriso...

Laura Toscano
Kikola

La magia non è un affare per adulti, né una via di fuga, essa esiste ed è ovunque. Kikola è la prova di quanto il mondo abbia bisogno di essere felice e di credere che l'impossile...

Luciana Balducci
In un qualsiasi mattino di settembre

Emma e Guido si incontrano in un qualsiasi mattino di settembre. Il loro incontro parrebbe casuale ma il caso non esiste. Esistono...

Alessandro Ebuli
Sotterraneo

Sotterraneo è un viaggio negli anfratti dell’anima, un punto di partenza per comprendere le emozioni e la profonda urgenza espressiva che combatte per vincere...

Marco Luppi
Dalla parte della radice

Un viaggio interiore e stilistico fra i più complessi nella poesia italiana 2.0 che alterna l’indignazione civile, a volte proprio la protesta, alla riflessione filosofica, dove i due filoni...

Patrizia Doria
La verità nei suoi occhi

Qualcosa attirò la sua attenzione: si allontanò correndo dal fianco della madre e andò a vedere da vicino. Sulla stretta striscia di sabbia di un bianco abbagliante giaceva...

Giulia De Sensi
La casa sull'altopiano

Una favola noir ambientata in un luogo sospeso nel tempo e nello spazio dove due anime sbagliate s’incontrano, per caso o per destino, dopo molti anni dalla prima volta...

Kati Galli
Garofani di metallo

La speranza di Ricardo di poter tornare subito nel mondo dei vivi si spense quando il cellulare dove sedeva vicino a due poliziotti si lasciò i colli di Lisbona...

Luigi Finucci
Le prime volte non c'era stanchezza

Le parole di quest’opera sviscerano e svelano quelle sensazioni prime che, nascoste nella quotidianità, rimangono troppo spesso sfuggevoli...

Francesco Azzirri
Sergio Padovani

1101

Secchi fiori e sterpi
ammantano dietro
come un regale, umano
dell’ovvio il cimitero

Alfredo Martinelli
Sparse carte

L’unica cosa di cui non ho più bisogno è mangiare. Per il resto è rimasto tutto uguale. Sento la stanchezza, ho bisogno di dormire, avverto il caldo e il freddo così come...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>